Grazie alla farmacogenetica possiamo studiare la risposta individuale al trattamento farmacologico, includendo la sicurezza, l’efficacia e l’interazione tra farmaci usati.

Nonostante questa branca della farmacologia sia ancora agli inizi, la rilevanza clinica di studi su farmaci oggi impiegati in terapia, ha indotto l’ente statunitense FDA a modificare i fogli illustrativi di alcuni farmaci e ad approvare metodi per l’analisi di varianti genetiche applicabili nella gestione clinica del paziente.

Questo test ci permetterà quindi di capire quali sono i farmaci compatibili e quelli sconsigliabili per il paziente.